LinuxWorld Logo
Untitled Document


Le sessioni

Il LinuxWorld Summit propone un programma esaustivo di conferenze, seminari, lab e workshop in grado di offrire ai partecipanti contenuti di alto livello, specifici per tipo di target e focalizzati sull'aspetto tecnico e strategico delle tecnologie Linux e open source.

L'agenda è rivolta a business user IT professional, e mira a fornire dati e informazioni, attraverso l'interazione con guru del settore e analisti IDC, su opportunità di mercato e  strategie per il mondo open source ed indicazioni sul suo sviluppo ed integrazione con le infrastrutture esistenti e future.

LinuxWorld Summit offre anche un'area espositiva, che presenta un'esclusiva selezione di prodotti e soluzioni dei principali vendor e distributori. 

I momenti di approfondimento del LinuxWorld Summit si realizzano in tre tipi di appuntamento: le sessioni plenarie/parallele, i Lab e i workshop a cura delle aziende sponsor.

Tra gli argomenti che saranno affrontati durante il LinuxWorld Summit:
* Linux e Open Source: quale mercato per quale business.
* Migrazione a Linux e software Open Source: che cosa succede.
* Linux e il software Open Source nei sistemi informativi aziendali: impatto dei sistemi Open Source sulle infrastrutture e sull'organizzazione.
* Open Source: un business model per lo sviluppo di un'industria del software in Europa e in Italia.
* Integrare sistemi Open Source nelle architetture aziendali.
* Le applicazioni Open Source: come svilupparle, su quali piattaforme, come gestirle e mantenerle.
* Sistemi Open Source: considerazioni sulla valutazione del ROI.
* Kernel Devices: configurazione, struttura, scelte implementative.
* Linux e il software Open Source nella Pubblica Amministrazione.
* Linux e il software Open Source nelle tecnologie emergenti di collaboration, convergent devices e Internet.

Per effettuare la registrazione ai LAB, contatta la segreteria organizzativa al nr. 02 28457354 oppure scrivi a [email protected]

Lunedi 15 Maggio

08.30 Registrazione dei Partecipanti


Plenary session 1
Overview su Mercato, Attori e Tecnologie
Chaired by
Ezio Viola, General Manager & Group Vice President, IDC So
uthern Europe

09.10 Linux & OSS: uno sguardo realistico al mercato e alle prospettive di sviluppo
Ezio Viola, General Manager & Group Vice President, IDC Southern Europe

09.30 The Growing Role of Open Source in the Global Software Industry
Anthony Picardi, Senior Vice President, Global Software, IDC
Open source software has captured the imagination of the public and software executives alike for its potential to create new market ecosystems as well as its potential to disrupt established industries, even beyond software. The actual impact of open source in any one instance is fundamentally related to it's constituent community – what are its motivations, how is it funded, and who are its leaders? Dr. Picardi will present case studies to illustrate several very different ecosystems in which an open source movement will thrive and how these will impact the industry. One involves the global movement to share, preserve and publish content in the world's universities, which will have a major disruptive effect on the global publishing industry. Another is the growing community of software developers who have forsaken API lock-in for a mutually agreed upon development platform. While this movement will create a hitherto unprecedented coalition of companies, it's counterintuitive effect may be to accelerate the consolidation of the industry. Yet a third type of ecosystem is the Red Hat and Novell value add business model. These business models build upon existing open source communities and have a chance to disrupt existing mature markets. While Open Source software has nowhere amounted to unparalleled riches, it is beginning to have an unparalleled impact on the global software industry. Dr. Picardi will point out the synergies between the long term direction of the global software industry and the open source movement that indicate open source will be with us and thriving for the long term.

10.00 – 12.50
Plenary session 2
Linux e Open Source: quale mercato per quale business

Chaired by
Ezio Viola, General Manager & Group Vice President, IDC So
uthern Europe

Business, IT e open source: come alimentare l'energia della comunità e tradurla in innovazione e valore per le aziende
Pino Ferrari, IBM Software for Linux and Open Source Worldwide Program Manager, IBM US
IBM's Open Source strategy is part of the wider Open Computing movement, along with Open Standards and Open Architecture. Open Source beyond Linux is proving itself to be a tremendously successful business model. Secure, reliable, flexible Linux and open source software is rapidly complementing commercial software in customer engagements that include standards-based hardware platforms, software, and services.This session will outline how IBM is already translating Open Source innovation into customer value.

Open Source and Linux - Community Development, Customer Success
Douglas Small, Director of Marketing Open Source and Linux Organization, Hewlett-Packard

Condivisione e open source in un modello di business vincente
Giuseppe Facchetti , Chief Technology Officer and Product Lines Manager, Sun Microsystems Italia

11.00 Break e visita allo spazio espositivo

11.20
Panel con i Main Sponsor
Open Source: un business model per lo sviluppo di un’industria del software in Europa e in Italia

Chaired by:
Franco Carlini, Giornalista e saggista

Partecipano:
Professor Alfonso Fuggetta, Direttore, CEFRIEL
Bruno Pinna, Group Marketing Director, Bull
Douglas Small, Director of Marketing Open Source and Linux Organization, Hewlett-Packard
Gianfranco Previtera, Vice President, Public Sector, IBM Italia
Giovanni Vota, Java Open Business, Project Director, Sun Microsystems Italia

12.30 Keynote Speech
Alfonso Fuggetta, Direttore, Cefriel

12.50 Pausa pranzo


14.00 - 14.45 Workshop 1

Linux e Windows: interoperabilità e integrazione di ambienti eterogenei attraverso la piattaforma Microsoft
Piergiorgio Malusardi, IT Pro Evangelist, Microsoft

In questa sessione parleremo e vedremo esempi pratici relativi a:
- Autenticazione unificata con Active Directory
- Windows Server 2003 R2 UNIX Interoperability Components
- Virtualizzazione di server Linux attraverso Virtual Server 2005 e le Virtual Server Addition for Linux
- MSh: la nuova shell Microsoft per la gestione da linea di comando
- Port25: Communication from the Open Source Lab at Microsoft

14.00 - 14.45 Workshop 2

BrandZ, o come usare Linux in un Container Solaris
Danilo Poccia, Data Center Architect, Sun Microsystems Italia

BrandZ è un framework che estende le zone di Solaris per associare un "brand" specifico, ovvero contenere un ambiente operativo differente dalla global zone Solaris che le ospita. In particolare una delle possibilità è quella di ricreare un ambiente (userspace) Linux in un Container Solaris. Per ridurre sia i tempi che lo spazio richiesto per l'installazione di una zona con brand Linux è possibile utilizzare la funzionalità "clone" di ZFS per fissare lo snapshot di un filesystem e creare, a partire da questo, un numero arbitrario di cloni che occupano spazio solo nel momento in cui si effettuano delle modifiche rispetto allo snapshot iniziale. Sono poi mostrate alcune funzionalità di monitoraggio di una zona con brand Linux utilizzando il framework DTrace nella global zone Solaris ospitante.

15.00 - 15.45 Workshop 3

Linux e SOA: massima flessibilità nei processi di business a supporto degli obiettivi aziendali
A cura di Maurizio Luinetti, Senior IT Architect, Software Group, IBM Italia

Le architetture orientate ai servizi (SOA) sono ad oggi il modo più efficace per dimostrare alle aziende il valore dell'IT. Una SOA richiede un'infrastruttura IT flessibile, sicura e scalabile. Linux è in grado di fornire una piattaforma comune che permette di sfruttare differenti opzioni hardware e di implementare un'architettura completa e robusta. Nel corso dell'intervento verrà illustrata una possibile architettura di riferimento con un corretto posizionamento delle funzionalità necessarie per supportare una SOA.

15.00 - 15.45 LAB 1

L'informatica industriale tra Unix, Windows e Real-Time convenzionale
Il Lab sarà moderato da: Alessandro Rubini, Esperto di Kernel e Device Drivers, Free Software Foundation Europe

La discussione verterà sui seguenti temi:
- Il ruolo del software libero
- Il confronto tra i diversi approcci, in particolare i diversi mondi real-time (RTAI, RTLinux e altri sistemi RT)

15.45-16.15 Break e visita allo spazio espositivo

16.15 - 17.45 LAB 2

Licensing, Brevetti e Copyright:
stato dell’arte e sviluppi

Il Lab sarà moderato da:Giovanni Ziccardi, Avvocato e Professore Associato di Informatica Giuridica presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, Board of Directors, Ip Justice

Gli aspetti legali dell’open source vengono analizzati - in questa sessione – esaminando in quale rapporto questo si pone rispetto al complesso apparato normativo vigente (rapporti tra open source e le leggi in materia di diritto d’autore). Si affronterà, inoltre, il tema del “codice aperto” che non significa “codice senza diritto”. L’universo open source è infatti regolato da specifiche licenze che ne stabiliscono le modalità di utilizzo. L’accesso illimitato al codice sorgente e il libero diritto di utilizzo del software si accompagnano dunque ad alcune condizioni da rispettare per poterlo modificare e distribuire.
- Aspetti legali dell'Open Source
- La brevettabilità del software alla luce delle ultime normative europee
- Open Source e diritti d'autore in Rete

16.15 – 17.45 LAB 3

Open Source e Mondo Creativo
Il Lab sarà moderato da:Leonardo Chiariglione, Digital Media Strategist


Il Software Open Source ha giocato un grosso ruolo nel fornire nuove modalità nella produzione del software, ma il mondo dei contenuti si è sempre mosso nell'alveo del diritto d'autore e del copyright.
Da qualche anno però il movimento Creative Commons ha cominciato a proporre modalità di licenza che si muovono su binari concettualmente simili a quelli dell'Open Source, e si cominciano già a vedere i frutti.

Alcune domande:
- Dove ci può portare il modello Creative Commons?
- Qual'è l'interazione tra il software Open Source e la gestione dei contenuti Creative Commons?
- Mentre è chiaro che esistono interazioni tra la gestione dei contenuti in regime di DRM ed il software tradizionale, sono ipotizzabili interazioni tra alcune forme di DRM ed il software Open Source?
- Sono praticabili altre forme di software che si adattano a contenuti in regime di DRM?

 

Martedi 16 Maggio


Plenary session 3
Linux e OSS nei sistemi informativi aziendali: impatto dei sistemi open source sulle infrastrutture e sull’organizzazione
Chaired by
Gianni Soreca, Consulting Director, IDC Italia

09.45 Revolution to Evolution: how Linux & OSS will move into Enterprises’ Data Centres
Al Gillen, Research Director, System Software, IDC

09.15 Open System: senza legami o senza rete?!
Gianni Soreca, Consulting Director, IDC Italia

10.15 - 10.30 Break e visita allo spazio espositivo

Plenary session 4
Intellectual Property & OSS – what's happening and what's next

Chaired by
Ezio Viola, General Manager and Group Vice President, IDC Southern Europe

10.30 Keynote speech

Cyberlaw issues, free software, privacy as a “property”
Eric Eldred, Co-Founder, Creative Commons

10.55 Keynote speech
Is Open Source Incompatible with Intellectual Property?
Bruce Lehman, Chairman, International Intellectual Property Institute
Proponents of open source software and other business models that seek to provide public domain access to creative works are often critical of strong intellectual property protection. In particular, this criticism extends to legislation recognizing the right of copyright owners to utilize digital rights management technologies; judicial interpretations of copyright law that restrict file sharing; liability for contributory infringement of copyright, and patentability of computer software and business methods. This keynote presentation will discuss the relationship between intellectual property protection and the open source business model and will argue that intellectual property rights and open source can co-exist. Indeed, copyright protection is the very basis of the licensing protocols that support the open source model. The primary issue is the extent to which the author of a creative work should be compelled to commit his or her work to the public domain. The tensions between the open source model and patent protection for computer software and business methods, however, may be less reconcilable. However, this presentation will argue that creators should have rights to determine the business model to be utilized in the distribution, licensing and use of their works.

11,20 - 11.50
Panel con i Keynote speakers
Intellectual Property & OSS – what’s happening and what’s next
Chaired by:
Franco Carlini, Giornalista e saggista

Partecipano:
Bruce Lehman, Chairman, International Intellectual Property Institute
Eric Eldred, Co-Founder, Creative Commons
Alessandro Musumeci, Direttore Generale, Servizio Sistemi Informativi, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

12.00 - 13.00 Sessioni parallele

Sessione parallela A

Integrare sistemi OSS nelle architetture aziendali: come Linux può penetrare nei Data center
Chairman: Guido Pagnini, Research Director IT, IDC Italia


Soluzioni Enterprise dal mondo Open Source
Giuseppe Paternò, Solution Architect, Red Hat

Caso studio
A cura di Marco Ferrari, Direttore dei sistemi informativi, Gruppo IRIS

Open and Secure Integrated Solutions: L'Open Source per le Soluzioni Enterprise
Claudio Guerrini, Strategic Solutions Marketer - Continental Europe Marketing and Communications, Unisys

Sessione parallela B

Il ruolo delle communities: attualità e prospettive
Chairman: Arianna Gagliardi, Senior Research Analyst, IDC Italia

Panel con le Associazioni - partecipano GPL DEV, SpeILDN, LUG Gechi, Mambo Foundation, Zio Budda


13.00-14.00 Pausa pranzo

14.00 - 14.35
Plenary session 5
Tavola rotonda con relatori delle sessioni parallele:

Sistemi Linux e OSS – quali benefici e come si valuta il ROI
Chaired by:
Amedeo Novelli, Direttore Responsabile, PC World – IDG

Partecipano:
Luigi Semplici, Sales Manager Red Hat
Sabatino Beretta, Partner Global Commercial Industry, Unisys Italia
Flavia Marzano, Consulente della Provincia di Roma - Comitato Scientifico Master in Management dell'Open Source, Università di Pisa


14.45 - 15.30 Workshop 4

Il tuo percorso di innovazione passa anche da Linux
A cura di Vincenzo Trama, Strategic Growth Business Unit Manager, Systems and Technology Group, IBM Italia

Nel corso del workshop verrà illustrato come IBM collabora con l'ecosistema di Business Partner, ISV e clienti per aiutare le aziende ad adottare la piattaforma Linux e open source.

In particolare:
- Le opportunità e in benefici della scelta Linux e open source
- Le risorse a disposizione dell'ecosistema
- I programmi e i servizi di migrazione
- L'apporto IBM per lo sviluppo di applicazioni nel mondo open source

14.45 - 15.30 Workshop 5

Costruire software che sia interoperabile "by design": Microsoft .Net, tecnologie, licenze, open standard
Fabio Santini, .Net Developer Evangelist, Microsoft

In questa sessione parleremo e vedremo esempi pratici relativi a:
- XML-based Web Services (WS-*): pietra miliare di Microsoft .Net e delle ultime generazioni dei tool Visual Studio
- Realizzare applicazioni data-centric Windows e Web con SQL Express
- Accedere ai dati presenti su Oracle
- Interoperare con servizi Web Linux
- Licenze "shared source"
- Port25: Communication from the Open Source Lab at Microsoft

15.40 - 16.25 Workshop 6

HP Control Tower for Blade Linux. Semplifica la gestione del tuo datacenter
Roberto Fassina, HP Linux Marketing Manager - Italy

Control Tower è la nuova suite software derivante dall'acquisizione di RLX. Questa nuova soluzione è un ulteriore passo verso una gestione sempre più integrata e semplice delle risorse di un data center soprattutto negli ambienti Linux. Basata sul RLX Control Tower Software Software costruito interamente su Linux, permette la gestione di datacenter complessi grazie a un utilizzo ottimizzato di Linux e Windows. HP Control Tower è pensato e sviluppato per il mondo HP BladeSystem, in particolare permette di implementare e sviluppare tutte le soluzioni per la gestione delle risorse (deployment, singolo punto di gestione, gestione integrata, ecc...)

15.40 - 16.25 Workshop 7

Se un pinguino può trasmettere l'influenza aviaria, un server Linux può infettare una rete Microsoft? 
a cura di Tiberio Molino, Product Marketing Manager EMEA, Trend Micro

La necessità di mantenere bassi i costi di esercizio spinge molte aziende a riutilizzare hardware obsoleto per i sistemi Microsoft a favore da quelli open source. Gli IT manager devono garantire la sicurezza delle informazioni che transitano su questi sistemi - all'interno di reti "miste" - assieme alla richiesta di essere conformi alle policy aziendali o alle normative internazionali come Basilea 2, utilizzando software di lvello enterprise.


Fine del Summit

Con il patrocinio di

 

©Copyright 2004-2005 IDG Communications Italia - tutti i diritti riservati
E' vietato riprodurre i contenuti di questo sito senza l'autorizzazione scritta dell'editore
I prodotti e i marchi citati sono di proprietà dei rispettivi titolari

Altri siti e attivita' di IDG nel mondo: IDG (USA) - IDG.net - IDC (USA) - IDG Global Solutions - IDG Ventures